Parlamento UE CSDD | ESG News

Fit for 55

UE: il Consiglio adotta gli atti legislativi del “Fit for 55”

Il Consiglio ha adottato cinque leggi che consentiranno all’UE di ridurre le emissioni di gas a effetto serra nei principali settori dell’economia, assicurando al contempo che i cittadini e le microimprese più vulnerabili, nonché i settori esposti alla rilocalizzazione delle emissioni di carbonio, siano effettivamente sostenuti nella transizione climatica. Le leggi fanno parte del pacchetto “Fit for 55”, che definisce le politiche dell’UE in linea con l’impegno di ridurre le emissioni nette di gas serra di almeno il 55% entro il 2030 rispetto ai livelli del 1990 e di raggiungere la neutralità climatica nel 2050.

Sistema di scambio delle emissioni europee

Il sistema di scambio di quote di emissioni dell’UE (EU ETS) è un mercato del carbonio basato su un sistema di cap-and-trade di quote di emissioni per le industrie ad alta intensità energetica, il settore della produzione di energia e il settore dell’aviazione. Le nuove regole aumentano l’ambizione complessiva di riduzione delle emissioni entro il 2030 nei settori coperti dall’ETS al 62% rispetto ai livelli del 2005.

Emissioni del trasporto marittimo

Le emissioni del trasporto marittimo saranno incluse per la prima volta nell’ambito del sistema ETS dell’UE. L’obbligo di restituzione delle quote da parte delle compagnie di navigazione sarà introdotto gradualmente: 40% per le emissioni verificate dal 2024, 70% dal 2025 e 100% dal 2026.

La maggior parte delle grandi navi sarà inclusa nel campo di applicazione del sistema ETS fin dall’inizio, mentre altre grandi navi, in particolare quelle offshore, saranno prima incluse nel regolamento “MRV” sul monitoraggio, la comunicazione e la verifica delle emissioni di CO2 del trasporto marittimo e solo in un secondo momento saranno incluse nel sistema ETS. Le emissioni non CO2 (metano e N2O) saranno incluse nel regolamento “MRV” a partire dal 2024 e nell’EU ETS dal 2026.

Edifici, trasporto stradale e altri settori

È stato istituito un nuovo sistema di scambio di emissioni separato per gli edifici, il trasporto su strada e i settori aggiuntivi (principalmente la piccola industria), al fine di garantire riduzioni delle emissioni efficienti in termini di costi in questi settori, che finora si sono dimostrati difficili da decarbonizzare. Il nuovo sistema si applicherà ai distributori che forniscono combustibili agli edifici, al trasporto stradale e ai settori aggiuntivi a partire dal 2027. La normativa prevede inoltre una clausola di salvaguardia in base alla quale, se il prezzo del petrolio e del gas dovesse essere eccezionalmente alto nel periodo precedente l’avvio del nuovo sistema, questo sarà posticipato al 2028.

Emissioni del trasporto aereo

Le quote di emissione gratuite per il settore dell’aviazione saranno gradualmente eliminate e, a partire dal 2026, saranno messe all’asta. Fino al 31 dicembre 2030, 20 milioni di quote saranno riservate per incentivare la transizione degli operatori aerei dall’uso di combustibili fossili. Il sistema ETS dell’UE si applicherà ai voli intraeuropei (compresi i voli in partenza per il Regno Unito e la Svizzera), mentre il CORSIA si applicherà ai voli extraeuropei da e per i Paesi terzi che partecipano al CORSIA dal 2022 al 2027 (“taglio netto”).

Verrà inoltre migliorata la trasparenza sulle emissioni degli operatori aerei e sulle compensazioni e verrà istituito un quadro di monitoraggio, comunicazione e verifica degli effetti del trasporto aereo non CO2. Entro il 1° gennaio 2028, sulla base dei risultati di tale quadro, la Commissione proporrà, se del caso, misure di mitigazione per gli effetti del trasporto aereo non CO2.

Meccanismo di aggiustamento delle frontiere per il carbonio

Il Carbon Border Adjustment Mechanism (CBAM) è un meccanismo che riguarda le importazioni di prodotti di industrie ad alta intensità di carbonio. L’obiettivo del CBAM è quello di evitare – nel pieno rispetto delle regole del commercio internazionale – che gli sforzi di riduzione delle emissioni di gas serra dell’UE siano compensati da un aumento delle emissioni al di fuori dei suoi confini attraverso la delocalizzazione della produzione in Paesi in cui le politiche applicate per combattere i cambiamenti climatici sono meno ambiziose di quelle dell’UE o l’aumento delle importazioni di prodotti ad alta intensità di carbonio.

Fino alla fine del 2025 la CBAM si applicherà solo come obbligo di comunicazione. Il CBAM sarà introdotta gradualmente, parallelamente alla graduale eliminazione delle quote gratuite, una volta iniziata nell’ambito del sistema ETS riveduto per i settori interessati. Le quote gratuite per i settori coperti dal Carbon Border Adjustment Mechanism – cemento, alluminio, fertilizzanti, produzione di energia elettrica, idrogeno, ferro e acciaio, nonché alcuni precursori e un numero limitato di prodotti a valle – saranno eliminate gradualmente in un periodo di nove anni tra il 2026 e il 2034.

Il CBAM promuove l’importazione nell’UE di beni da parte di aziende non comunitarie che soddisfano gli elevati standard climatici applicabili nei 27 Stati membri dell’UE. Ciò garantirà un trattamento equilibrato di tali importazioni ed è volto a incoraggiare i partner dell’UE nel mondo a unirsi agli sforzi climatici dell’UE.

Il Fondo sociale per il clima

Il Fondo sociale per il clima sarà utilizzato dagli Stati membri per finanziare misure e investimenti a sostegno delle famiglie vulnerabili, delle microimprese e degli utenti dei trasporti e per aiutarli a far fronte all’impatto sui prezzi di un sistema di scambio di quote di emissioni per gli edifici, il trasporto stradale e altri settori.

Il fondo sarà finanziato principalmente dai proventi del nuovo sistema di scambio di quote di emissione fino a un importo massimo di 65 miliardi di euro, da integrare con contributi nazionali. È istituito temporaneamente per il periodo 2026-2032.

I prossimi passi

Come da prassi, le leggi saranno ora firmate dal Consiglio e dal Parlamento europeo e pubblicate nella Gazzetta ufficiale dell’UE prima di entrare in vigore.