Politica anti-ESG

Repubblicani anti-ESG avviano causa contro le nuove norme SEC di divulgazione sul clima

Una coalizione di dieci stati repubblicani ha avviato una causa presso la corte d’appello federale degli Stati Uniti, volta a bloccare l’attuazione delle nuove norme sulla divulgazione relativa al clima della Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti. Gli stati che si uniscono alla causa includono West Virginia, Georgia, Alabama, Alaska, Indiana, New Hampshire, Oklahoma, Carolina del Sud, Wyoming e Virginia.

La causa potrebbe segnare il primo grande ostacolo per le nuove regole, solo poche ore dopo la loro adozione da parte della SEC, con anche i repubblicani del Congresso americano e la Camera di commercio americana che esprimono opposizione ai nuovi requisiti di divulgazione sul clima della Commissione.

Nella causa, gli stati accusanti hanno sostenuto che la nuova norma eccedeva l’autorità della SEC, descrivendola come “arbitraria, capricciosa, un abuso di discrezione e non conforme alla legge”, e hanno chiesto alla corte di annullare la sentenza.

La SEC ha adottato le nuove regole due anni dopo la bozza iniziale della Commissione, stabilendo per la prima volta obblighi per le società pubbliche negli Stati Uniti di fornire informazioni sui rischi climatici a cui sono esposte, le loro attività, i piani per affrontare tali rischi, l’impatto finanziario di eventi meteorologici estremi e, in alcuni casi, le emissioni di gas serra derivanti dalle loro attività, escludendo tuttavia la rendicontazione delle emissioni Scope 3 come previsto inizialmente.

Nonostante i requisiti meno onerosi della norma definitiva, tuttavia, la Camera di commercio degli Stati Uniti in una dichiarazione ha affermato che “rimane una norma nuova e complicata che probabilmente avrà un impatto significativo sulle imprese e sui loro investitori”. L’organizzazione aveva precedentemente inserito la regola di divulgazione climatica della SEC in un elenco di “principali obiettivi normativi” che a suo parere “rappresentano una minaccia significativa per la crescita economica e la competitività dell’America”, e nella sua dichiarazione ha aggiunto che “continuerà a utilizzare tutti gli strumenti a nostra disposizione, incluso il contenzioso, se necessario, per prevenire un’azione eccessiva del governo e preservare un sistema competitivo del mercato dei capitali”.

Già nel febbraio 2023, d’altronde, i leader repubblicani del Congresso avevano pubblicato una lettera al presidente della SEC Gary Gensler, sostenendo che la norma eccedeva l’autorità della SEC, accusando la SEC sotto Gensler di perseguire una “agenda sociale progressista” e sostenendo che una regola di divulgazione del clima “in qualsiasi forma ”, “danneggerebbe i consumatori, i lavoratori e l’economia degli Stati Uniti”.

In una dichiarazione successiva all’avvio della causa, un portavoce della SEC ha affermato che la Commissione “difenderà vigorosamente le regole finali sulla divulgazione del rischio climatico in tribunale”.