indici ESG Amundi | ESG News

Performance Indici MSCI ESG

MSCI: nel 1° semestre gli indici ESG sottoperformano, ma con buoni punteggi di sostenibilità

Il periodo dello scoppio del conflitto tra Russia e Ucraina ha prodotto una sostanziale sottoperformance dei cinque indici MSCI ACWI, anche se nel corso della guerra gli effetti sono stati meno severi di quanto ci si potesse aspettare all’inizio, e non hanno impedito di ottenere buoni obiettivi di sostenibilità. È quanto emerge da uno studio di Yuliya Plyakha Ferenc, vicepresidente dell’MSCI Research, e Saurabh Katiyar, direttore esecutivo dell’MSCI Reasearch.

I principali fattori a pesare sugli indici sono stati la sovraperformance del value e le minori allocazioni nel settore energetico, aerospaziale e della difesa. Al contrario, hanno contribuito positivamente un MSCI ESG Ratings superiore alla media, l’efficienza delle emissioni di carbonio e le allocazioni a basso rischio.

Secondo l’analisi, mentre gli investitori rincorrono le soluzioni sostenibili, si continua a porre l’accento sulla consapevolezza ESG. Le diverse soluzioni ESG comportano diversi livelli di rischio e rendimento, compreso l’impatto di eventi inaspettati, come la guerra in corso tra Russia e Ucraina. Poiché l’ambiente degli investimenti ESG è in continua evoluzione, gli investitori possono concentrarsi su attributi e metriche chiave di particolare interesse e gestire i portafogli di conseguenza.

Performance del primo semestre del 2022 in dettaglio

Gli indici MSCI ACWI ESG hanno sovraperformato l’indice MSCI ACWI negli ultimi tre e cinque anni, ma hanno sottoperformato nel periodo da un anno all’altro e nell’ultimo anno fino al 29 luglio, come mostrato nella tabella seguente.

Performance relativa dell’indice nel tempo

I rendimenti sono annualizzati per periodi superiori a un anno. Rendimenti lordi per il periodo che termina il 29 luglio 2022.

I rischi geopolitici e macroeconomici dei mercati finanziari sono aumentati nella prima metà del 2022. Secondo i due analisti di MSCI, lo scoppio della guerra tra Russia e Ucraina il 24 febbraio ha presentato due storie distinte che hanno spiegato la performance dei cinque indici MSCI ACWI ESG.

Performance dei cinque indici MSCI ACWI ESG fino ad oggi

Performance degli indici MSCI ESG rispetto all’indice MSCI ACWI, rivalutato a 100 il 31 dicembre 2021. Dati dal 31 dicembre 2021 al 29 luglio 2022.

Come illustrato di seguito, nel periodo di preparazione, ovvero le settimane precedenti lo scoppio della guerra (dal 1° gennaio al 23 febbraio), l’aumento dei prezzi del petrolio e del gas e un contesto macroeconomico favorevole a titoli poco costosi hanno portato a un calo della performance degli indici MSCI ACWI ESG. Nella tabella viene comunque analizzato anche il periodo di continuazione della guerra, che è stato un intervallo relativamente meno volatile.

Attribuzione fattore-rendimento attivo degli indici MSCI ACWI ESG

Attribuzione attiva del fattore-rendimento per gli indici MSCI ACWI ESG durante i periodi di accumulo e di prosecuzione della guerra tra Russia e Ucraina. Dal 31 dicembre 2021 al 29 luglio 2022.

Come viene sottolineato nello studio di MSCI, i titoli del settore energetico hanno registrato rendimenti elevati, in particolare all’inizio dell’anno, quando i prezzi del petrolio sono saliti alle stelle e l’economia si stava riprendendo dal blocco della pandemia. Allo stesso modo, i titoli del settore aerospaziale e della difesa hanno iniziato l’anno con una nota positiva, favoriti dalle aspettative di un aumento della domanda di attrezzature per la difesa in relazione alla guerra tra Russia e Ucraina. Sebbene i cinque indici MSCI ACWI ESG siano stati costruiti per evitare ampie allocazioni attive nei settori – sottolineano gli esperti di MSCI – piccole esposizioni attive ai settori durante i periodi più brevi e turbolenti possono portare a significativi contributi di rendimento. Nonostante quest’anno l’energia e l’aerospaziale e la difesa abbiano avuto basse allocazioni attive negli indici MSCI ESG, il che riflette l’allineamento dei valori e dell’integrazione di questi indici, il loro contributo attivo alla performance è stato sostanzialmente negativo a causa dei forti rendimenti di questi settori, come si vede nella tabella.

Prestazioni del settore

Il primo semestre trascina la performance

“In precedenza abbiamo affermato che le società con rating ESG elevato tendono ad essere associate a titoli costosi, a una volatilità idiosincratica più bassa e a un rischio sistematico inferiore”, affermano Plyakha Ferenc e Katiyar. “Pertanto, la mancanza di un’allocazione value ha svolto un ruolo importante nella sottoperformance degli indici MSCI ACWI ESG e ha rappresentato un significativo vento contrario durante il periodo di preparazione della guerra. Durante il periodo di continuazione della guerra, invece, quando è iniziata la carenza di gas in Europa, un sovrappeso di titoli efficienti in termini di carbonio all’interno di ciascun settore ha avuto un effetto positivo sulla performance degli indici ESG. Anche le società con un MSCI ESG Rating superiore alla media e i titoli a basso rischio hanno contribuito in modo significativo alla ripresa dell’indice MSCI ACWI SRI e hanno attenuato la sottoperformance degli altri indici MSCI ACWI ESG”.

Fattori durante le fasi della guerra russo-ucraina

Dati per il periodo di accumulo, dal 31 dicembre 2021 al 23 febbraio 2022, e per il periodo di cessazione della guerra, dal 23 febbraio al 29 luglio 2022.
Raggiungimento degli obiettivi di rating ESG

L’indice MSCI ACWI ESG Screened incorpora esclusioni basate sui valori con una riallocazione pro-rata del capitale sui titoli rimanenti. Gli altri indici ESG utilizzano gli MSCI ESG Ratings per la selezione e l’allocazione dei titoli e, sottolineano i due esperti, ci si aspetta che mostrino un miglioramento significativo del punteggio ESG rispetto all’indice principale (come illustrato nel grafico). Dal momento che l’MSCI ACWI ESG Screened Index non utilizza gli MSCI ESG Ratings, di solito ha un punteggio ESG aggregato simile a quello dell’indice principale. Gli altri quattro indici MSCI ACWI ESG, invece, hanno registrato un punteggio MSCI ESG più elevato rispetto all’indice di riferimento durante il periodo di studio, il che è in linea con l’obiettivo principale di questi indici. Dallo studio è emerso anche un miglioramento di ciascuno dei punteggi dei pilastri ESG per questi quattro indici MSCI ACWI ESG.

Il miglioramento relativo del punteggio ESG

Dal 31 dicembre 2021 al 30 giugno 2022.
Performance del primo semestre ed efficacia ESG

In conclusione, i cinque indici MSCI ACWI ESG di riferimento sono stati penalizzati dal rally dei titoli del settore energetico e della difesa, nonché dalla sovraperformance delle società meno costose durante la preparazione della guerra tra Russia e Ucraina. Tuttavia, la performance dei titoli ad alto rating ESG, efficienti dal punto di vista delle emissioni di anidride carbonica e a basso rischio durante il periodo di prosecuzione della guerra, ha contribuito a rafforzare la performance.