Rischio climatico

Il Comitato di Basilea pubblica due nuovi report sui rischi legati al clima per le banche

Il Comitato di Basilea sulla vigilanza bancaria ha pubblicato due nuovi report sui rischi finanziari legati al climate change, intitolati Climate-related risk drivers and their transmission channels e Climate-related financial risks – measurement methodologies.

I nuovi contributi del Comitato seguono il precedente report “Committee’s 2020 stocktake on members’ existing initiatives”. I due report si integrano tra di loro. Da una parte, “Climate-related risk drivers and their transmission channels” identifica come i rischi finanziari, legati al clima, impattano le singole banche, in particolare, e il sistema bancario, in generale. Dall’altra parte “Climate-related financial risks – measurement methodologies” identifica le metriche utili a misurare l’impatto dei rischi legati al clima e allo stesso tempo fornisce un quadro delle aree dove bisogna intervenire per la mitigazione dei rischi.

I rapporti concludono che i fattori di rischio climatico possono essere catturati nelle tradizionali categorie di rischio finanziario. Ma è necessario un ulteriore lavoro per collegare i fattori di rischio climatico alle esposizioni delle banche in modo che vengano stimati in modo affidabile tali rischi. Sebbene una serie di metodologie sia attualmente in uso o in fase di sviluppo, permangono sfide nel processo di stima, comprese le lacune nei dati e l’incertezza associata alla natura di lungo termine e all’imprevedibilità del cambiamento climatico. Man mano che queste sfide vengono affrontate, la capacità di stimare e mitigare efficacemente i rischi finanziari legati al clima sarà sempre migliore.

Basandosi su questo lavoro analitico, il Comitato esaminerà la misura in cui i rischi finanziari legati al clima possono essere affrontati nell’ambito dell’attuale quadro di Basilea, identificherà potenziali lacune nel quadro attuale e considererà le possibili misure per affrontarle. Il Comitato intraprenderà ulteriori lavori in tre grandi filoni che abbracciano simultaneamente elementi di regolamentazione, vigilanza e informativa per il sistema bancario.