Edison 5GW rinnovabili | ESG News

Nazioni Unite

Oggi è la prima Giornata Internazionale dell’Energia Pulita

Oggi, 26 gennaio, si celebra la prima Giornata Internazionale dell’Energia Pulita, che fa il suo ingresso a tutti gli effetti tra le numerose giornate internazionali indette dall’ONU. Secondo le stesse Nazioni Unite si tratta di una “pietra miliare” significativa nell’impegno collettivo degli esseri umani per un futuro sostenibile. Obiettivo dell’istituzione di tale giornata è infatti sensibilizzare e mobilitare azioni per una transizione giusta e inclusiva verso l’energia pulita a beneficio delle persone e del pianeta.

Adottata dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, questa giornata rappresenta una celebrazione globale dell’energia pulita e del suo ruolo chiave nel raggiungimento di una transizione energetica giusta e inclusiva, nonché dell’SDG 7, che mira a garantire a tutti l’accesso a un’energia conveniente, affidabile, sostenibile e moderna entro il 2030. Con un focus dedicato alla difesa delle fonti energetiche pulite e rinnovabili, questa occasione funge da piattaforma unificante per governi, aziende e individui in tutto il mondo per accelerare il passaggio verso sistemi energetici più sostenibili ed efficienti.

In un mondo alle prese con il cambiamento climatico, l’energia pulita svolge un ruolo vitale nella riduzione delle emissioni e può anche avvantaggiare le comunità più vulnerabili che non hanno accesso a fonti di energia affidabili. La mancanza di energia elettrica affidabile, spesso, ostacola l’istruzione, l’assistenza sanitaria e le opportunità economiche, e molte di queste regioni in via di sviluppo dipendono ancora fortemente dai combustibili fossili inquinanti per la loro vita quotidiana, perpetuando la povertà. Secondo le stime dell’ONU, se le tendenze attuali continueranno, entro il 2030 una persona su quattro utilizzerà ancora sistemi di cottura non sicuri, malsani e inefficienti, come la combustione di legna. Sebbene si stiano facendo dei progressi in tal senso, non sono sufficienti. Proprio per questo motivo, l’Assemblea Generale terrà un bilancio globale sull’SDG7 nell’aprile 2024, sede in cui verranno valutati i progressi e fornite soluzioni possibili a tale problematica.

La 28a Conferenza delle Parti della Convenzione delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP28), che si è conclusa a dicembre a Dubai, ha offerto un’importante opportunità per fare il punto sulle soluzioni globali per limitare l’aumento della temperatura globale a 1,5°C e per promuovere un approccio positivo e orientato all’azione, ponendo la transizione energetica al centro del discorso sul clima. La prima commemorazione di questa giornata internazionale avviene poche settimane dopo che i paesi hanno raggiunto un accordo senza precedenti alla COP 28 che prevede l’abbandono (seppur graduale) dei combustibili fossili. Altri importanti obiettivi fissati alla COP28 rispetto al tema energetico, la volontà di triplicare la capacità di energia rinnovabile a livello globale e di raddoppiare il tasso medio annuo globale di miglioramento dell’efficienza energetica entro il 2030.

Il 26 gennaio è anche la data di fondazione dell’Agenzia internazionale per le energie rinnovabili l’IRENA (International Renewable Energy Agency), un punto di riferimento nel settore dell’energia pulita. In occasione della prima Giornata Internationale dell’Energia Pulita, l’agenzia organizza una tavola rotonda virtuale insieme alla Missione Permanente degli Emirati Arabi Uniti presso le Nazioni Unite e alla Missione Permanente di Panama presso le Nazioni Unite. Questo evento serve ad aumentare la consapevolezza sul ruolo dell’energia pulita nell’espansione dell’accesso universale all’energia e a promuovere iniziative globali volte al raggiungimento degli obiettivi fissati nell’Accordo di Parigi e nell’Agenda 2030. L’evento presenterà esempi di progetti di energia pulita e il loro impatto trasformativo sulla vita e sui mezzi di sussistenza in vari paesi e comunità di diverse regioni. Offrirà inoltre una panoramica dei risultati raggiunti alla COP28 in relazione alla promozione dell’energia pulita e di altre iniziative lanciate.