Mediobanca Nagel CdA | ESG News

D&I

Mediobanca lancia toDEI, nuovo progetto che promuove diversità, equità e inclusione

Mediobanca ha presentato toDEI, il progetto finalizzato a promuovere diversità, equità e inclusione. L’iniziativa rappresenta un nuovo passo nella strategia intrapresa dal Gruppo Mediobanca nel piano al 2023 per una crescita sostenibile e attenta ai fattori ESG. 

L’evento interno a Mediobanca è stato aperto dall’amministratore delegato Alberto Nagel con un approfondimento dedicato all’importanza di promuovere diversità e inclusione per sviluppare maggiore competitività e capacità di attrarre talenti.   

“Con toDEI vogliamo porre le basi di un percorso che ha l’ambizione di promuovere un approccio organizzativo basato sulla comprensione, il rispetto e la valorizzazione delle differenze, a partire da quelle di genere”, ha commentato Nagel. 

“Se finora l’attenzione degli investitori e del mercato si era concentrata soprattutto sugli obiettivi legati alla governance e all’ambiente, oggi sta crescendo l’attenzione alle tematiche sociali, in termini di sostenibilità sociale, valorizzazione dei talenti, pari opportunità e inclusione di tutte le diversità di genere”, ha aggiunto l’amministratore delegato. “All’interno dei numerosi rating che monitorano le performance delle aziende in termini di ESG, particolare focus è posto al sostegno dell’equilibrio di genere e una maggiore attenzione a queste tematiche si sta estendendo anche a livello regolamentare. Diversità, equità e inclusione rappresentano oggi una priorità di business integrata all’interno del nostro piano strategico al 2023 per una crescita sostenibile e attenta ai fattori ESG. Un impegno concreto, come dimostrato dall’inserimento degli obiettivi di sostenibilità anche nel piano di incentivazione di lungo termine del top management di Mediobanca”.

La diversità come fattore di ricchezza e non di esclusione, nonché la valorizzazione dei talenti, iniziando con il colmare le differenze di genere, sono stati i temi su cui ha insistito Nagel nella conclusione del suo intervento.