finestre circolari Domal | ESG News

Salone del Mobile

Showroom Domal, le vetrine raccontano la circolarità delle finestre in alluminio riciclato

Per la settimana del Salone del Mobile, lo showroom Domal espone tutta la propria gamma di prodotti in alluminio sostenibile. Dalla scelta responsabile degli approvvigionamenti all’utilizzo di energia rinnovabile, dal monitoraggio dell’impronta carbonica all’uso di materie prime riciclate, Domal ha scelto di adottare un approccio olistico all’eco-design. L’allestimento delle vetrine presso Spazio Domal illustra il processo di creazione di una finestra in alluminio riciclato post-consumo, partendo dalla demolizione di un serramento in alluminio preesistente.

Attraverso un percorso immaginario che si snoda dalla prima all’ultima vetrina di Viale Biancamaria 2, la designer Federica Allievi, showroom manager di Spazio Domal, insieme al team marketing, utilizza blocchi di alluminio post-consumo pressato. Questi blocchi vengono accostati a vasi in Green Cast ®, il primo plexiglass riciclato e riciclabile sul mercato, contenenti lo stesso alluminio dei blocchi, in forma di “chips”, ottenute da una prima fase di triturazione a cui viene sottoposto il materiale.

Nella prima vetrina, le “chips” sono scarse e aumentano progressivamente di quantità procedendo verso la seconda e la terza vetrina. Il percorso culmina nell’ultima vetrina, posta accanto all’ingresso, dove è esposta una finestra realizzata con Hydro CIRCAL 75R. Qui, la quantità di “chips” è notevolmente inferiore rispetto all’inizio del percorso poiché la finestra è composta per almeno il 75% da alluminio post-consumo, suggellando così il ciclo circolare del materiale.

L’allestimento non sarà solo una presenza temporanea durante la Design Week, ma diventerà una caratteristica permanente di Spazio Domal, contribuendo così a ridurre l’impatto ambientale generato nel lungo termine.

Nei giorni della design week, lo showroom ospiterà inoltre momenti di confronto e dialogo sulla sostenibilità nel settore del Real Estate e sui processi di rigenerazione urbana. Lo spazio è visitabile dal 15 aprile al 20 aprile dalle 09:00 alle 18:00

  • Martedì 16 aprile dalle 17:00 alle 21:00 – Conferenza Proiezione docu-film “Real Estate & Sustainability: un giorno con DeA Capital Real Estate SGR”. Solo su invito
  • Giovedì 18 aprile dalle 17:00 alle 21:00 – Conferenza Re-generation stories: “Ripensare il vivere urbano: visioni e strategie nei processi di rigenerazione urbana a servizio della comunità”. Solo su invito.

Il cammino di Domal verso un’economia circolare certificata

“Guidiamo la decarbonizzazione verso un’economia circolare certificata per un futuro dell’edilizia sostenibile”. È questo lo statement di Domal che per i suoi prodotti utilizza principalmente l’alluminio che, diversamente da altri materiali, può essere completamente riciclato.

A livello globale, ad oggi sono presenti 200 milioni di tonnellate di alluminio pronte a essere riutilizzate al termine del loro ciclo di vita. L’uso nei processi produttivi del materiale ricilato permette di diminuire lo sfruttamento delle risorse naturali e di contribuire alla messa in moto del processo di “urban mining” che mira a trasformare le città nei principali centri di approvvigionamento di materia prima.

Hydro, società a cui fa capo il brand Domal, abbraccia questa visione, sostituendo l’estrazione della bauxite con il riutilizzo a fine ciclo di vita degli oggetti in alluminio. La preservazione delle risorse e la riduzione dell’impatto ambientale sono infatti valori fondamentali che guidano la strategia del gruppo. Da uno sguardo attento alla catena di approvvigionamento all’adozione di un approccio olistico all’eco-design, l’azienda si impegna a ogni livello. L’utilizzo responsabile delle risorse, l’impiego di energie rinnovabili e il riciclo delle materie prime sono solo alcuni dei pilastri che sorreggono l’impegno costante di Hydro per un futuro sostenibile.

Tutti i più recenti prodotti Domal sono pertanto realizzati in Hydro CIRCAL, ossia alluminio riciclato postconsumo con un’eccezionale impronta di carbonio tra le più basse al mondo (da un minimo di 0,5 ad un massimo di 1,9 kg CO2 per kg di alluminio prodotto). In particolare, Hydro CIRCAL 75R è una lega composta con un minimo del 75% da contenuto riciclato postconsumo che vanta uno dei più bassi valori di impronta di C02 a livello mondiale: 1,9 kg CO2e/kg Al, rispetto agli 8,6 kg della media europea. Mentre Hydro CIRCAL 100R, un alluminio composto al 100% da scarti post-consumo, con un’ulteriore riduzione dell’impronta ambientale: 0,5 kg di CO2e/kg Al.

Ciò consente di realizzare profili in alluminio per porte, finestre e facciate con un’impronta di carbonio praticamente nulla.