intelligenza artificiale | ESGnews

Analisi World Economic Forum

Quali sono le 10 tecnologie più innovative del 2023

Dall’intelligenza artificiale generativa al carburante sostenibile per l’aviazione. Sono queste le dieci tecnologie innovative annunciate dal World Economic Forum per il 2023. Le tecnologie presenti nel rapporto Top 10 Emerging Technologies 2023, realizzato in collaborazione con Frontiers, sono state scelte da un gruppo di esperti sulla base di diversi criteri. Oltre a promettere grandi benefici per le società e le economie, devono anche essere dirompenti, interessanti per gli investitori e i ricercatori e si prevede che raggiungeranno una scala considerevole entro cinque anni.

“Le nuove tecnologie hanno il potere di sconvolgere le industrie, far crescere le economie, migliorare le vite e salvaguardare il pianeta, se progettate, scalate e utilizzate in modo responsabile. Ci auguriamo che il rapporto di quest’anno serva da potente strumento per i leader aziendali e i responsabili politici per sbloccare il potenziale trasformativo delle tecnologie emergenti e dare forma alla loro adozione inclusiva”, ha dichiarato Jeremy Jurgens, direttore generale del World Economic Forum e responsabile del Centro per la quarta rivoluzione industriale.

Dalla prima edizione del 2011, il rapporto ha identificato tecnologie poco conosciute che hanno poi avuto un impatto globale. Tra queste, i vaccini genomici, che sono stati presentati nel rapporto del 2016 e sono poi diventati la tecnologia alla base della maggior parte dei vaccini COVID-19, e la progettazione molecolare guidata dall’intelligenza artificiale, che è stata inserita nell’elenco del 2018, due anni prima che i primi farmaci scoperti dall’intelligenza artificiale entrassero nella sperimentazione clinica.

Entrando nel suo secondo decennio, il rapporto si basa sull’eredità delle ultime 10 edizioni, ampliando la sua portata per includere una valutazione qualitativa di come ciascuna delle tecnologie è destinata ad avere un impatto sulle persone, sul pianeta, sulla prosperità, sull’industria e sull’equità, sulla base delle risposte al sondaggio di gruppi curati di esperti per ciascuna tecnologia. Una novità per l’edizione 2023 è rappresentata da una raccolta di Mappe di trasformazione sulla piattaforma di Strategic Intelligence del Forum. Le tesi forniscono approfondimenti e contesti su ciascuna tecnologia, mostrando come si collegano ad altri argomenti dell’agenda globale e facendo emergere le ultime pubblicazioni affidabili per ulteriori letture.

“Ci troviamo in un momento cruciale della società, in cui il potere della conoscenza diventa la nostra luce guida tra gli ostacoli che ci attendono. Questo rapporto completo ha un ruolo fondamentale nell’aprire le porte a questa conoscenza, facendo luce su scoperte scientifiche rivoluzionarie e dotando i leader delle intuizioni essenziali necessarie per comprendere e sfruttare efficacemente questi progressi”, ha commentato Kamila Markram, cofondatrice e Ceo di Frontiers.

Le 10 principali tecnologie emergenti del 2023
  • Batterie flessibili: le batterie rigide standard potrebbero presto appartenere al passato grazie all’arrivo sul mercato di batterie sottili e flessibili, realizzate con materiali leggeri che possono essere ruotati, piegati e allungati. Questa nuova generazione di batterie, che si prevede raggiungerà un valore di mercato di 240 milioni di dollari entro il 2027, trova applicazione nei dispositivi medici indossabili, nei sensori biomedici, nei display flessibili e negli orologi intelligenti.
  • Intelligenza artificiale generativa: l’elenco di quest’anno non sarebbe completo senza menzionare l’IA generativa, un nuovo tipo di IA in grado di generare contenuti nuovi e originali apprendendo da grandi insiemi di dati che è stata catapultata nel dialogo pubblico alla fine del 2022 con il rilascio pubblico di ChatGPT. In rapida evoluzione, l’IA generativa è destinata a sconvolgere diversi settori, con applicazioni nell’istruzione, nella ricerca e oltre.
  • Carburante per l’aviazione sostenibile: con il 2%-3% delle emissioni globali annue di CO2 provenienti dall’aviazione e nessun segno di voli elettrici a lungo raggio, il carburante sostenibile per l’aviazione prodotto da fonti biologiche (ad esempio biomassa) e non biologiche (ad esempio CO2) potrebbe essere la risposta per decarbonizzare l’industria dell’aviazione nel breve e medio termine.
  • Fagi progettisti: i fagi sono virus che infettano selettivamente specifici tipi di batteri. Grazie a strumenti di ingegneria genetica sempre più sofisticati, gli scienziati possono ora riprogrammare i fagi per infettare i batteri di loro scelta, consentendo loro di colpire un tipo di batterio in una comunità complessa di tipi di batteri coesistenti, come nel microbioma vegetale, animale e umano. Anche se molte delle applicazioni a breve termine riguarderanno la ricerca, ci sono segnali che indicano che questi fagi “designer” potrebbero essere utilizzati per trattare malattie associate al microbioma o per eliminare batteri pericolosi nelle catene di approvvigionamento alimentare.
  • Metaverso per la salute mentale: in risposta alla crescente crisi della salute mentale, gli sviluppatori di prodotti stanno iniziando a costruire spazi virtuali condivisi per migliorare la salute mentale. I videogiochi vengono già utilizzati per trattare la depressione e l’ansia e la meditazione in VR è in aumento. In combinazione con gli indossabili di nuova generazione che consentono all’utente di sentire il tatto e di rispondere al suo stato emotivo, il metaverso del futuro potrebbe essere maturo per migliorare la salute mentale.
  • Sensori vegetali indossabili: i droni e i satelliti hanno cambiato le carte in tavola nel monitoraggio delle aziende agricole su larga scala che tradizionalmente si affidavano a test manuali del terreno e a osservazioni visive. Ora abbiamo una nuova generazione di sensori per piante: piccoli dispositivi non invasivi che possono essere “indossati” dalle singole piante per il monitoraggio continuo di temperatura, umidità, umidità e livelli di nutrienti. Se riusciranno a superare i costi di scala, i sensori per piante indossabili potrebbero migliorare la salute delle piante e aumentare i rendimenti.
  • Omica spaziale: combinando tecniche di imaging avanzate con la specificità del sequenziamento del DNA, l’omica spaziale consente agli scienziati di “vedere” i processi biologici a livello molecolare all’interno delle cellule. Rivelando strutture ed eventi biologici precedentemente non osservabili, questa nuova e potente tecnologia è pronta ad accelerare la nostra comprensione della biologia e ad aiutare i ricercatori a sviluppare nuovi trattamenti per malattie complesse.
  • Elettronica neurale flessibile: le interfacce cervello-macchina consentono la comunicazione diretta tra il cervello e i computer esterni. Hanno applicazioni potenzialmente in grado di cambiare la vita in medicina e nelle neuroscienze, come il trattamento dell’epilessia, della depressione o della paralisi. Finora la tecnologia si è basata su un’elettronica rigida, limitata dalla mancata corrispondenza meccanica e geometrica con il tessuto cerebrale. Ma i progressi dell’elettronica flessibile e dei materiali più biocompatibili significano un’esperienza meno invasiva e scomoda per i pazienti. Si prevede che il mercato di questa tecnologia, pari a 1,74 miliardi di dollari, crescerà fino a 6,18 miliardi di dollari entro la fine del decennio.
  • Informatica sostenibile: i data center consumano circa l’1% dell’elettricità prodotta a livello globale. Molteplici tecnologie si stanno intersecando per rendere il sogno dei data center a energia zero una realtà realizzabile. Riunite sotto il nome di “tecnologie informatiche sostenibili”, comprendono i sistemi di raffreddamento a liquido, l’analisi dell’intelligenza artificiale e i data center modulari che possono essere co-localizzati con fonti di energia esistenti, come le torce di metano.
  • Assistenza sanitaria facilitata dall’intelligenza artificiale: dalla diagnostica alla progettazione di farmaci, l’IA è stata ampiamente descritta come un fattore di miglioramento dell’assistenza sanitaria. L’applicazione descritta in questo rapporto fa un passo avanti e si concentra sul ruolo dell’IA a supporto dell’intero sistema sanitario, dal monitoraggio dei focolai di pandemia alla riduzione dei tempi di attesa in ospedale ottimizzando l’allocazione delle risorse.