dividendi record utile aziende | ESG News

Janus Henderson Global Dividend Index

Record di dividendi nel 2023: a chi va l’utile delle società

Secondo l’ultimo Janus Henderson Global Dividend Index, i dividendi globali hanno raggiunto la cifra record di 1,660 miliardi di dollari nel 2023, con un aumento del 5% su base sottostante. L’anno si è concluso con i dividendi del quarto trimestre in rialzo del 7,2% su base sottostante, grazie alla solidità di Europa, Regno Unito e Giappone.

Il principale motore della crescita dei dividendi sembrano essere le banche. Infatti, secondo quanto riportato dall’analisi di Janus Henderson, il settore bancario ha distribuito dividendi record nel 2023 contribuendo alla metà della loro crescita a livello mondiale. Questo è potuto avvenire grazie ai tassi d’interesse più elevati che hanno consentito a molti istituti bancari di aumentare i propri margini. Le banche dei mercati emergenti hanno contribuito in modo particolare all’aumento, anche se quelle cinesi non hanno partecipato al boom dei dividendi del settore.

L’impatto positivo dell’aumento dei dividendi nel settore bancario è stato quasi interamente compensato dai tagli del settore minerario, i cui profitti sono diminuiti di pari passo con il calo dei prezzi delle materie prime. Al netto di questi due settori, il cui impatto è stato insolitamente elevato, l’indice di Janus Henderson ha individuato una crescita particolare in vari settori come quello dei veicoli, dei servizi di pubblica utilità, del software, degli alimentari e dell’ingegneria.

A livello globale, l’86% delle società ha aumentato i dividendi o li ha mantenuti inalterati, ma gli ingenti tagli di appena cinque gruppi, BHP, Petrobras, Rio Tinto, Intel e AT&T, hanno ridotto di due punti percentuali il tasso di crescita globale sottostante annuale.

A livello geografico, Stati Uniti, Francia, Germania, Italia, Canada, Messico e Indonesia sono solo alcuni dei 22 Paesi che hanno registrato dividendi record nel 2023. L’Europa, Regno Unito escluso, è stata uno dei principali motori di crescita dell’anno, contribuendo per due quinti all’aumento globale. Le distribuzioni della regione sono aumentate del 10,4% su base sottostante, raggiungendo la cifra record di 300,7 miliardi di dollari. Anche il Giappone ha contribuito in modo determinante, sebbene la debolezza dello yen abbia nascosto parte della forza dimostrata dal 91% delle sue società. Le grandi dimensioni degli Stati Uniti hanno fatto sì che il contributo del Paese sia stato il più significativo alla crescita dei dividendi globali, ma il suo tasso di crescita sottostante del 5,1% è stato in linea con la media mondiale.

La crescita dei dividendi nel Regno Unito, pari al 5,4%, è stata all’incirca pari alla media globale, con gli importanti aumenti nei settori bancario e petrolifero che sono stati in gran parte compensati dalla riduzione dei pagamenti nel settore minerario. La maggior parte dei Paesi sviluppati dell’Asia-Pacifico, escluso il Giappone, ha registrato una riduzione dei dividendi rispetto all’anno precedente.

“Per quanto riguarda l’Italia” ha sottolineato Federico Pons, Country Head per l’Italia di Janus Henderson Investors, “alla fine del 2022 avevamo notato che le distribuzioni in euro erano aumentate soltanto del 29% rispetto al 2009 (anno in cui abbiamo cominciato le nostre osservazioni), e l’aumento in dollari era stato pressoché nullo, con una crescita molto più lenta che nel resto del mondo. La situazione è cambiata nel 2023: i dividendi sottostanti sono saliti del 17,9% segnando il record di 20,1 miliardi di dollari (18,5 miliardi di euro). Le banche italiane hanno contribuito al 75% della crescita e nessuna delle altre aziende italiane nell’indice ha tagliato i dividendi”.

I mercati emergenti

Per il terzo anno consecutivo, i mercati emergenti hanno distribuito dividendi record per 166,1 miliardi di dollari, con un aumento dell’8% su base nominale. Nel complesso, tuttavia, i dividendi dei mercati emergenti sono rimasti fermi su base sottostante, in quanto i forti tagli in Brasile e la scarsa crescita in Cina hanno bilanciato le forti erogazioni del settore bancario.

Previsioni per il 2024

Janus Henderson prevede per il 2024 una crescita sottostante simile a quella del 2023, anche se un calo, probabile, dei dividendi speciali una tantum potrebbe ridurre il tasso di crescita complessiva. Janus Henderson stima per il 2024 dividendi pari a 1,72 miliardi di dollari, con un aumento del 3,9% su base complessiva, pari a una crescita sottostante del 5%.

“Nel 2023 il pessimismo sull’economia globale si è rivelato infondato e, sebbene le prospettive siano incerte, i dividendi sono ben supportati. Il flusso di cassa delle società nella maggior parte dei settori è rimasto ingente e sta sostenendo sia i dividendi che i riacquisti di azioni.” ha dichiarato Ben Lofthouse, Head of Global Equity Income di Janus Henderson, “L’effetto ritardato dell’aumento dei tassi d’interesse continuerà ad avere un impatto, con una crescita economica globale più lenta e costi di finanziamento più elevati per le società”

La rapida crescita registrata dalle banche di tutto il mondo rallenterà nel 2024 secondo quanto suggerisce l’head of global equity income di Janus Henderson, ma i rapidi cali del settore minerario dovrebbero avere un impatto minore. “I prezzi dell’energia rimangono stabili, per cui i dividendi del petrolio sono convenienti e i grandi settori difensivi come la sanità, gli alimentari e i beni di consumo di base dovrebbero continuare a registrare progressi costanti. Inoltre, i dividendi sono molto meno variabili degli utili nel tempo” conclude Lofthouse.