Laboratorio intesa

Reporting aziendale

Oscar di Bilancio 2021: premiate Intesa Sanpaolo e Fideuram ISPB

Trionfa il gruppo Intesa Sanpaolo nella 57esima edizione dell’Oscar di Bilancio promosso da FERPI insieme a Borsa Italiana e Università Bocconi. La cerimonia di premiazione dei 12 vincitori (su 315 candidature) si è tenuta ieri a Milano nella sede di Borsa Italiana e ha visto Intesa Sanpaolo ricevere il Premio speciale per la Dichiarazione Non Finanziaria e Fideuram – Intesa Sanpaolo Private Banking vincere nella categoria Imprese Finanziarie.

L’Oscar di Bilancio premia le organizzazioni che, attraverso il bilancio, non solo rendicontano il proprio operato, ma dimostrano anche di voler condividere risultati e obiettivi con gli stakeholder. Il riconoscimento vuole contribuire allo sviluppo di una comunicazione finanziaria coerente e alla diffusione della cultura della trasparenza, stimolando le organizzazioni a impegnarsi per una rendicontazione sempre più chiara e articolata.  Quest’anno, per la prima volta, la partecipazione è stata estesa anche alle Società Benefit.

In un’edizione che, secondo quanto dichiarato da Rossella Sobrero, presidente di FERPI, ha confermato che la sostenibilità è diventata un driver strategico per molte imprese, Intesa San Paolo ha proposto una DNF che si distingue come best in class, in cui sono state rendicontate, con attenzione, ampie informazioni richieste anche da parte degli analisti finanziari per la formulazione delle proprie valutazioni, in modo particolare per quanto riguarda la gestione dei rischi ed opportunità legati al cambiamento climatico per i quali si può far riferimento anche al recente TCFD Report 2020/2021 pubblicato con l’intento di ampliare la comunicazione su tali tematiche. In base a quanto riportato nella propria DNF, Intesa San Paolo dimostra poi di aver raggiunto un elevato livello di integrazione dei principi della sostenibilità e degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDGs) delle Nazioni Unite nel proprio modello di business e nella strategia aziendale.

“La sostenibilità e un approccio etico e inclusivo sono ormai diventati obiettivi centrali e prioritari per le imprese. Si tratta di una vera e propria svolta culturale, in cui si tiene in gran conto l’impatto e il valore che le aziende creano rispetto a tutti gli stakeholders in senso ampio, azionisti, consumatori e lavoratori.” ha dichiarato Gianmario Verona, Rettore dell’Università Bocconi e presidente della giuria che ha analizzato le candidature presentate. “Saper comunicare questo nuovo approccio attraverso il proprio bilancio è quindi fondamentale per le aziende, che in questo modo possono raccontare chi sono e dove stanno andando.”

Da questo punto di vista il report integrato di Fideuram ISPB è concepito per guidare anche il lettore non esperto in una lettura immersiva e coinvolgente del documento. Il report è navigabile in forma interattiva sul sito e approfondimenti multimediali integrano le diverse forme di comunicazione aziendale. Sono presentate nel documento le connessioni tra le principali tematiche materiali e gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile e traspare un’ampia diffusione della cultura degli ESG.

Domenico Sfalanga, Chief Financial Officer di Fideuram, ha dichiarato: “In un anno particolarmente complesso, l’informazione ha giocato un ruolo fondamentale e l’Annual Report Integrato è stato uno strumento straordinario di comunicazione aziendale verso tutti i nostri stakeholders, grazie all’integrazione fra i contenuti finanziari obbligatori e le informazioni sociali, ambientali e di governance. Il nostro modello di business, in linea con quella che è l’evoluzione della normativa, riconosce un’importanza crescente alle tematiche ESG, fondamento dei valori condivisi insieme ai nostri clienti.”