asset sostenibili | ESG News

Obbigazioni ESG

NN IP, green bond essenziali per promuovere le attività sostenibili

Secondo l’ultimo Green Bond Impact Report di NN Investment Partners (NN IP), società di gestione olandese, i green bond stanno svolgendo un ruolo sempre più significativo non solo nello spostamento di capitali verso attività sostenibili, ma anche nel garantire che le aziende aumentino il loro impegno nei confronti degli investitori e rafforzino le proprie ambizioni di sostenibilità.

I green bond si distinguono dai titoli a reddito fisso convenzionali per il fatto che i proventi sono destinati a progetti nuovi ed esistenti che producono benefici ambientali e un’economia più sostenibile. Tra questi figurano le energie rinnovabili, gli edifici ecologici, la gestione delle acque, i trasporti puliti e l’adattamento ai cambiamenti climatici. Un punto che rimane nel dibattito è se i titoli generano capitale aggiuntivo per la protezione dell’ambiente e l’azione per il clima, dato che possono essere emessi per rifinanziare progetti o strutture verdi già esistenti dell’azienda.

Per ovviare a questo problema, la strategia green bond di NN IP adotta l’approccio secondo cui l’obbligazione da sola non è sufficiente a garantire l’etichetta verde e che il soggetto emittente deve anche impegnarsi in comportamenti sostenibili affinché il suo green bond superi il vaglio. Fortunatamente, la ricerca di NN IP ha dimostrato che gli emittenti di green bond hanno una probabilità molto più alta di aderire allo scenario di 1,5°C o 2°C previsto dall’Accordo di Parigi rispetto agli emittenti di bond non green. Tuttavia, anche se questo indicherebbe che gli emittenti di green bond si stanno impegnando in media in un comportamento più sostenibile, l’engagement è fondamentale per garantire la massima ambizione attraverso la collaborazione. Il Green Bond Impact Report di NN IP illustra in dettaglio questo aspetto con diversi casi di studio sull’impegno dell’anno scorso, con risultati positivi.

Sono ormai lontani i tempi in cui gli investitori conoscevano poco le aziende in cui investivano; i progetti e gli esempi di engagement contenuti nel Green Bond Impact Report di NN IP evidenziano la differenza che può essere fatta impegnandosi attivamente con le società partecipate.

“Il dialogo frequente con gli emittenti durante l’intero ciclo di vita di un’obbligazione, dalla preparazione all’emissione fino alla rendicontazione dell’impatto, fornisce anche un input vitale per la nostra analisi. L’engagement ci permette di migliorare la nostra comprensione degli emittenti e di consigliarli sulle migliori pratiche”, ha dichiarato Kaili Mao, Green Bond analyst di NN Investment Partners.

Lo scorso anno NN IP ha dialogato con 87 emittenti di green bond operanti in 10 settori in tutto il mondo. Un esempio è il suo impegno con Mercedes Benz, che mira a raggiungere la neutralità delle emissioni di CO₂ per la sua nuova flotta di passeggeri e per tutti i suoi impianti di produzione entro il 2039. Ha emesso obbligazioni verdi destinate a un progetto che dà una seconda vita alle batterie che non possono più essere utilizzate nei veicoli come parte di un sistema di stoccaggio dell’elettricità. L’impatto di NN IP attribuibile al bond è di 60 tonnellate metriche di emissioni di gas serra evitate ogni anno per 1 milione di euro di investimento.

“I green bond sono ormai un mercato mainstream del reddito fisso e ci aspettiamo che questa rapida crescita continui. Prevediamo che le emissioni raggiungeranno i 600 miliardi di euro nel 2022, nonostante la flessione del 1° trimestre, con l’Europa che alimenterà la crescita dei green bond attraverso il piano di rilancio NextGenerationEU. Ci auguriamo che anche la regolamentazione continui a rafforzare e ampliare il mercato, richiedendo una maggiore divulgazione e trasparenza”, ha commentato Bram Bos, Lead Portfolio Manager Green Bond di NN Investment Partners.

Il report mostra anche che le emissioni annue di gas a effetto serra (GHG) evitate sono il parametro di impatto dei green bond più frequentemente riportato. Questo dato deriva da una serie di progetti, come gli impianti di energia rinnovabile che contribuiscono a ridurre la dipendenza dai combustibili fossili e i trasporti pubblici che consentono alle persone di viaggiare meno in auto private.

Questa metrica per i suoi quattro fondi – NN (L) Green Bond, NN (L) Corporate Green Bond, NN (L) Sovereign Green Bond e NN (L) Green Bond Short Duration – mostra che le emissioni di gas serra evitate sono state pari a 532.920 tonnellate metriche di CO₂ nel 2021. Le maggiori emissioni evitate per milioni di euro investiti in NN (L) Corporate Green Bond sono attribuite alla maggiore percentuale di allocazione alla categoria delle energie alternative.

Il calcolo delle metriche di impatto di NN IP si basa sui dati del proprio database di green bond. NN IP tiene traccia e valuta 1.140 obbligazioni che coprono 10 settori in 51 Paesi/regioni.