Casse di Previdenza

La Cassa dei Commercialisti (CDC) è alla ricerca di un advisor per asset allocation e risk

Cdc (Cassa Dottori Commercialisti) ha aperto una procedura per l’affidamento di servizi professionali di asset allocation advisory strategica e tattica e risk performance analysis

Nel bando di gara è specificato che la durata del contratto sarà di 24 mesi e che l’importo a base di gara è pari a 240 mila euro, iva esclusa, mentre il valore massimo dell’appalto, comprensivo dell’importo di eventuali proroghe e rinnovi, è pari a 420 mila euro, al netto di iva.

La documentazione di gara, invece, definisce le varie mansioni oggetto dell’appalto: 
asset allocation strategica e tattica: analisi e definizione dell’allocazione del patrimonio della Cassa nelle singole classi di attivo e declinata, ove opportuno ed efficiente, per aree geografiche, settori e tematiche di investimento in funzione: delle passività previdenziali (partendo dall’ultimo bilancio tecnico disponibile) della Cdc; del budget di rischio da allocare tra i diversi fattori (risk budgeting); degli obiettivi ESG qualora definiti; dell’adeguatezza delle prestazioni;
– Supporto, in base all’allocazione, nella definizione del budget annuale degli investimenti 2024 e 2025 e, in caso di rinnovo, 2026;
– Supporto, in base all’allocazione, su temi o asset class richiesti dalla Cdc o su stessa iniziativa dell’aggiudicatario;
– Supporto, in base all’allocazione, fornendo pareri in merito agli obiettivi ESG e all’integrazione dei fattori ESG nel processo di investimento richiesti dalla Cassa o su stessa iniziativa dell’aggiudicatario;
Misurazione ed analisi della performance di portafoglio sia ex ante che ex post;
Misurazione ed analisi dei rischi di portafoglio sia ex ante che ex post;
Misurazione delle performance dei gestori e analisi comparativa verso il peer di appartenenza;
Misurazione del profilo ESG del portafoglio e dei gestori;
– Analisi dello scenario macroeconomico e dell’andamento dei mercati finanziari (anche in funzione della redazione annuale della Relazione sulla Gestione da allegare al bilancio d’esercizio).

I requisiti di capacità economico-finanziaria richiesti dal bando sono:

  • un fatturato globale minimo annuo d’impresa riferito a ciascuno degli ultimi tre esercizi finanziari di 160 mila euro, iva esclusa, per un ammontare totale pari a 480 mila euro, iva esclusa;
  • un fatturato specifico minimo annuo nel settore di attività oggetto dell’appalto riferito a ciascuno degli ultimi tre esercizi finanziari per un ammontare totale pari a 120 mila euro, iva esclusa, per un ammontare totale pari a 360mila euro, iva esclusa; possesso di una copertura assicurativa Polizza di Responsabilità Civile verso Terzi ed Operai prestatori di lavoro (RCT-RCO) afferente all’appalto aggiudicato con indicazione dell’oggetto dei servizi e del CIG assegnato alla procedura, con i massimali indicati nel documento di gara.

Come requisiti di capacità tecnico/professionale, invece, Cdc elenca l’esecuzione, negli ultimi tre anni, di servizi analoghi a quelli oggetto dell’appalto: la prestazione di un servizio analogo, negli ultimi tre anni, a quello oggetto dell’appalto per clienti aventi masse complessive pari ad almeno 20 miliardi di euro e in media almeno 5 miliardi di euro ciascuno; il possesso di un team dedicato messo a disposizione della Cassa che dovrà avere la presenza almeno di un attuario, un analista di mercato, un esperto in risk/advisory/portfolio management, un esperto nel settore dei mercati privati e un relationship manager, ognuno dei quali con un minimo di cinque anni di esperienza nell’esercizio della relativa professione. 

Le candidature dovranno essere inviate in via telematica tramite l’apposita piattaforma a Cdc entro le ore 12 di mercoledì 26 ottobre.